INSTEAD OF NEW YEAR’S RESOLUTIONS DO THIS | La lista dei non-propositi: come iniziare l’anno con gratitudine

[Vai alla versione italiana]

Today marks the first day of a new year (and of a new decade…welcome 2020!). This moment of transition usually brings a sense of euphoria with it, a breath of fresh air and the desire to improve one’s life. So far, nothing inherently wrong, but this moment becomes too often a double-edged sword.

Instead of looking at change with a realistic look, new year’s resolutions in fact become another opportunity to judge your life with negative filters: “I am not enough this or that” (it usually translates in “not enough in shape”), “I have not achieved last year’s goals“, “I still do not have this or that“, and so on.
The transition to the new year is transformed into a dangerous weapon: usually, people tend to look at their lives picking up what is wrong, accusing themselves of what they have not been able to achieve and promising to be better.

Instead of looking at the last year or years as a precious lesson for the future, the message directed right to the self is that you have not been good enough or perfect enough, and so you have to “promise to be good at least during this new year”.

What does all this lead to? At an unconscious level, it leads to negative repercussions on self-esteem and on the sense of self-effectiveness. On a conscious level, however, there is often a sense of euphoria for the goals that for sure – “working harder in the coming year” – will be achieved.
For example, through a strict diet, a daily training program, very tight study plans, and so on. It is easy to feel a sense of excitement when you set a goal, already imagining how it will radically change your life at the exact moment you will reach it. 

However, sooner or later, negative things will come up:

  • The plans are usually unsustainable and tend to be dropped soon.
  • Life does not miraculously change after reaching THE goal, nor the image of yourself (do you know that sense of emptiness that often follows the achievement of something you have been dreaming for long?).
  • Often those new year’s resolutions do not even authentically reflect what you want for your life. Unfortunately, they are almost more of a reflection of what you think you should achieve in order to be happy. As if the recipe for happiness was the same for everyone.

This does not mean that we should not change: growth is one of life’s driving forces. Evolution is necessary. However, you can avoid turning the drive for change into a time of pessimism, self-accusation and self-esteem damage. Rather, you can try to live these moments of transition as a reason to improve yourself without forgetting the good things in your life, and what has already been done.

Here are some suggestions:

  • You don’t necessarily need to change certain things in your life. Or at least, you don’t need to feel obliged to do it, or to respect strict timings. The first day of a new year does not necessarily represent the universal moment, suitable for everyone, to look at one’s life and decide to change it.
  • Even if there are so many things you don’t have, or things that aren’t exactly how you would like, there are a thousand other things to be thankful for. That childhood friend. That shift at work that you like so much. That new hobby that fills a couple of hours a week with joy. Just sit with yourself and reflect, you’ll find many reasons to be grateful. 
  • Even if you have not reached all the goals set last January 1st, the past year has certainly seen many victories. Maybe small, but still to be celebrated. It is a good time to thank yourself for what you have achieved.
  • If you feel ready, you can reflect on the – metaphorical – dead wood to cut out. The things you need to leave behind, because they no longer add value to your life. Maybe in the past year they have been important. Maybe it is difficult to leave them in a box and say goodbye. Yet, you need to make space to be able to add new things in your life. You can create this space by thanking what has been there and leaving it behind with a sense of gratitude for the times spent together.  Dead wood can be physical things, relationships, wrong ideas about yourself, and much more.

What if you really feel like you want to change? Perfect, just do it with respect to yourself and your life. Here are some reflections that may help.

Authenticity and respect:

Is the desired change authentic to yourself and your life?

Does it reflect the values you have chosen for your existence?

Does the change comes from a personal desire, or feel imposed by others or by society? Do you want to achieve that goal because all your friends want/have it?

Is it a goal that stems from respect or hatred for yourself (body appearance, for example)?

At your own pace:

Why do you want to achieve that goal by that date?

Will the changes necessary to achieve the goal respect the rhythm of your life, your habits and needs? Or will they distort them? At what price?

Your worth:

Is there a risk of measuring your personal value on the success of the goal? Or are you aware that it is, and will be, something independent?

Having this in mind, if the desired change comes from a place of respect for yourself, you can begin to evaluate how to put it into practice. Slowly. At your own pace.
Not forgetting that life is already here and already has a lot to offer.


Today, put aside your usual new year’s resolutions list and rather mentally list the reasons why you should be grateful and happy for what there is already in your life. 

This is my wish for a happy new year!

Versione italiana

La lista dei NON-Propositi: COME INIZIARE L’ANNO CON GRATITUDINE

E’ il primo gennaio di un nuovo anno (e quest’anno pure di una nuova decade, benvenuto 2020!). L’euforia che accompagna questi momenti di passaggio porta con sé aria di novità e voglia di migliorare la propria vita.
Fin qui, andrebbe anche tutto bene, se non fosse che di solito questo momento diventa troppo spesso un’arma a doppio taglio.

Invece di guardare al cambiamento con sguardo realistico, i “buoni propositi per l’anno nuovo” di fatto diventano un’occasione in più per giudicare la propria vita con dei filtri che fanno stare male:
“Non sono abbastanza questo o quello” (di solito si traduce in “abbastanza magr*”)
“Non ho raggiunto quello che mi ero prefissat*”
“Non possiedo X o Y”, e così via. 

Il passaggio al nuovo anno si trasforma in un’arma: si scandaglia la propria vita cercando quello che non va, ci si accusa per ciò che non si è riusciti a portare a termine e ci si ripromette di essere migliori.

Invece di guardare a ciò che è stato come una fonte di insegnamenti per il futuro, il messaggio che passa, diretto proprio a se stessi, è di non essere stati abbastanza brav* o abbastanza perfett*, per cui bisogna “ripromettersi di esserlo almeno durante questo nuovo anno”.

A cosa porta tutto questo? Porta a ripercussioni negative sull’autostima e sul senso di auto-efficacia, a un livello non conscio. A livello conscio invece, spesso c’è un senso di euforia per i traguardi che di sicuro, “se ci si impegna di più nell’anno che viene”, verranno raggiunti. Per esempio attraverso una dieta ferrea, un regime di allenamento giornaliero, dei programmi di studio serrati, e così via.
E’ facile sentire un senso di eccitazione quando ci si pone un obiettivo, immaginandosi già come cambierà radicalmente la propria vita nel momento esatto in cui si raggiungerà il traguardo.
I nodi che vengono al pettine sono però molti: 

  • I piani organizzati sono di solito insostenibili e si tende a mollarli dopo poco.
  • La vita non cambia miracolosamente dopo aver raggiunto un traguardo X, né l’immagine che una persona ha di se stessa (avete presente quel senso di vuoto che spesso segue l’aver raggiunto qualcosa che si sognava da tanto?).
  • Spesso quella lista di propositi che si butta già ogni primo dell’anno, alla fine, non rispecchia neanche autenticamente ciò che si desidera per la propria vita. Purtroppo, è quasi più un riflesso di ciò che si pensa si dovrebbe raggiungere per essere felici. Come se la ricetta per la felicità fosse unica per tutti. 

Questo non vuol dire che non si debba cambiare: la crescita è uno dei motori della vita. L’evoluzione è necessaria. Si può, tuttavia, evitare di trasformare la spinta al cambiamento in un momento di pessimismo, autoaccusa e danni alla propria autostima. Piuttosto, si può cercare di vivere i momenti di passaggio come un motivo per migliorarsi senza dimenticarsi di ciò che di buono c’è già e si è già fatto.

Come? Tenendo a mente alcune cose:

  • Non è necessario voler cambiare determinate cose della propria vita.
    O almeno, non è per forza necessario sentirsi in dovere di farlo o rispettare tempistiche precise. Il primo giorno di un nuovo anno non rappresenta necessariamente il momento universale, adatto a tutti, per guardare alla propria vita e decidere di cambiarla.
    Ad ognuno i propri tempi.
  • Anche se ci sono tante cose di cui non si è in possesso, o cose che non sono esattamente come si vorrebbe, ce ne sono mille altre per cui essere grati.
    L’amic* di infanzia con cui si è mantenuta una bella relazione. Quel turno a lavoro che dà tanta soddisfazione. Quel nuovo hobby che riempie di gioia un paio d’ore a settimana. Se ci si siede cinque minuti a riflettere, la lista di cose di cui essere grati diventa di sicuro lunga. 
  • Anche se non si sono avverati tutti i desideri o tutti gli obiettivi prefissati lo scorso primo gennaio, l’anno passato ha visto di sicuro molte vittorie.
    A volte piccole, ma non per questo da non celebrare. E’ un buon momento per ringraziare se stessi per ciò che si raggiunto. 
  • Se ci si sente pronti, si può riflettere sui “rami secchi” -metaforici- da tagliare.
    Che si vogliono lasciare indietro, perché non aggiungono più linfa vitale alla propria vita. Magari nell’anno passato sono stati importanti, ed è per questo così difficile lasciarli in uno scatolone da mettere in soffitta. Eppure bisogna fare spazio per riuscire a raggiungere nuovi traguardi. Si può creare questo spazio ringraziando ciò che c’è stato e lasciandolo indietro con un senso di gratitudine per i periodi trascorsi insieme.
    I rami secchi possono essere cose fisiche, relazioni, idee su se stessi, e tanto altro. 

E se si sente davvero di voler cambiare? Ben venga, facendo attenzione a rispettare se stessi e i propri tempi. Ci sono alcune riflessioni che possono aiutare.

Autenticità e rispetto:

Il cambiamento desiderato è autentico rispetto alla propria persona e alla propria vita? 
Rispetta i valori secondo cui si è scelto di orientare la propria esistenza
E’ un cambiamento che viene da se stessi, o che si sente imposto da altri o dalla società? Si vuole raggiungere quell’obiettivo perché tutti i conoscenti lo vogliono?
E’ un obiettivo che nasce dal rispetto oppure dall’odio per se stessi (questo si rifà spesso al voler cambiare la propria forma fisica)?

Il proprio ritmo:

Perché si vuole raggiungere quell’obiettivo entro quella data?
Le modifiche necessarie a raggiungere il cambiamento rispetteranno i ritmi della propria vita, le proprie abitudini e necessità? O le stravolgeranno?
A che prezzo?

Il proprio valore:

C’è il rischio di misurare il proprio valore personale in base alla riuscita dell’obiettivo? O si è consapevoli che è e sarà qualcosa di indipendente?

Una volta fatte queste riflessioni, se il cambiamento desiderato affonda le proprie radici nel rispetto della propria persona, si può iniziare a valutare come metterlo in pratica. Con calma. Con i propri tempi.
Non dimenticandosi che la vita c’è già e ha già molto da offrire così.

Proprio oggi, si può mettere da parte delle liste di buoni propositi, e piuttosto elencare mentalmente le ragioni per cui essere grati e felici per ciò che realmente c’è nella propria vita.

Questo il mio augurio di buon anno!