STRESS AND HEADACHE  I Stress e Mal di testa

[Vai alla versione italiana]

Hi friends, today I would like to deepen with you a common medical disorder and the psychological aspects that surround it…HEADACHE. First thing first, some medical background to better understand what we are talking about.

Headache is a very common neurological disorder: 46% of adults worldwide suffer from it. The prevalence of headache disorders is higher in women than in men (sorry, sisters).

If you often experience headache, I would strongly suggest you see a specialist, to be given the right diagnosis and treatments for the specific type of headache, since each one requires different strategies. In fact, there are different types of headache that should be distinguished to be treated properly: the most common are the following:

TENSION-TYPE HEADACHE (TTH)

This one is THE MOST COMMON, and it’s very likely each one of us had experienced it at least once. It is characterized by a mild to moderate intensity headache, lasting minutes to days. It’s usually bilateral, pressing or tightening but NOT pulsating, without other associated features (no nausea, but possible sensitiveness to light or sounds). It might be present a certain level of pericranial soreness at palpation.

MIGRAINE

It’s often but not always unilateral, and shows with a throbbing or pulsatile pain; it’s characterized by recurrent attacks, and may be accompanied by nausea, vomiting, light and sound sensitiveness.

25% of patients with migraine experience also a phenomenon called AURA, which is characterized by neurological symptoms, usually visual (e.g. seeing bright lines or shapes), but also auditory (e.g. noises), sensory (e.g. skin burning), or motor disturbances (e.g. repetitive movements).

Now, we are going to talk about the influence of psychological factors on headache and how preventive mind-body treatments might be helpful.

PSYCHOLOGICAL  AND OTHER PRECIPITANT FACTORS

Psychological factors play a HUGE role in the pathogenesis of headache: stress and mental tension are the most common triggers both of TTH and migraine.

The mechanism is still unclear, but it’s suggested that stress might increase pain sensitivity.

Coexisting psychiatric disorders are common in persons suffering from headache disorders, in particular depression and anxiety. These two disorders might also increase headache frequency and aggravate their clinical features. The mechanism behind this is known as “central sensitization”: trying to simplify it, let’s say it’s a process in which neurons become increasingly responsive to stimulation, whether painful or not.

Interestingly, some studies showed that people with headache disorders present overall lower problem-solving abilities. They tend to experience problems as threats, to doubt their abilities to solve problems, and easily respond to problems with frustration and becoming upset. This has a major implication: while previously, the first medical advice given was to avoid headache triggers, now the most important suggestion is to identify these (whether physical, psychologic, or behavioral) and develop effective coping strategies, especially for stress and mental tension.

Other factors, which account for a general higher level of body/mind stress, are:

  • Skipping meals, eating too little, not eating on time or fasting (BE AWARE OF THE POSSIBLE SIDE EFFECTS OF FASTING DIETS, WHICH ARE A TREND NOWADAYS!)
  • fatigue
  • lack of sleep and sleep disturbances
  • having too little or too much caffeine than usual
  • drinking alcohol
  • specific drinks or foods, such as red wine, and aged cheese
  • there are also other trigger factors which are specific for migraine: menstruation, lights, weather changes, odors, neck pain, nitrates, aspartame, smoke, and heat.

TREATMENTS FOR HEADACHE

Pharmacological treatments

Acute symptomatic treatments are suggested for low-frequency episodic headache (1 day a month TOP): drugs as analgesics, acetaminophen, nonsteroidal anti-inflammatory agents and triptans. Talk with your doctor to choose the best medications for your situation.

Prophylactic treatments are used for high-frequency headache (1-14 days a month) and chronic (>15 days a month). There are different preventive drugs available:


  • For TTH, the strongest evidence is for tricyclic antidepressants like amitriptyline, followed by antidepressants mirtazapine and venlafaxine, the anticonvulsants topiramate and gabapentin, and the muscle relaxant tizanidine.
  • For migraine, beta-blockers as metoprolol, antidepressant as amitriptyline, and anticonvulsants as valproate.

Same as above, refer to your doctor to choose the best medications for your situation.

Beware that a number of herbal and homeopathic remedies have been promoted in the past, but scientific studies have not found clear benefits, so these remedies are not recommended by the scientific community!

Preventive non- pharmacologic approaches

People suffering from headache can greatly benefit from simple healthy lifestyle measures, which include:

  • A good sleep hygiene: maintain a regular sleep schedule every day; practice a bedtime routine; avoid cigarettes, caffeine (COFFEE, TEA, CAFFEINATED BEVERAGES), and heavy meals in the afternoon- evening; invest in a comfortable bedroom environment (light, noise, temperature); avoid use of electronicS (phones or reading devices) at least 30 minutes before habitual bedtime.
  • Healthy nutrition and routine meal schedules: international guidelines suggest to increase consumption on fruit, vegetables, legumes, nuts and grains; and to decrease the use of refined salt, sugar and saturated fats (found in fatty meats, butters, cheeses). If caffeine falls between your triggers, decrease your consumption of caffeinated beverages.
  • Regular exercise: the usual rule for mental health is 30 MINUTES A DAY, any kind of physical activity (yes, walking counts!).
  • Decrease alcohol and tobacco consumption.

Treatments to reduce stress

  • Relaxation: these methods work by modifying physiologic responses and decreasing sympathetic arousal to unwanted outcomes, such as headache episodes. They include progressive muscle relaxation, autogenic training, meditative or passive relaxation, and self-hypnosis. Also, yoga can work on lowering stress levels.
  • Cognitive-behavioral therapy: it teaches how to identify and evaluate dysfunctional thoughts/beliefs, and helps develop adaptive ways of behaving. In the case of headache, cognitive-behavioral therapy might be helpful to modify a maladaptive response (headache episode) to stressful events, by changing the usual chain of interpretations, thoughts, and assumptions. For example, one behavioral method called “learning to cope” (LTC), gradually exposes individuals to selected headache triggers to promote desensitization (which means lowering sensitiveness).
  • Biofeedback: a particular method based on the theory that a person can learn to control involuntary physiologic responses, when information about these processes is fed back in the form of a visual or auditory signal. It might help to resolve or prevent pericranial muscle tenderness associated with headache.
  • Acupuncture : scientific evidence says that it can have modest benefits. It may be used for people who do not tolerate or do not desire more effective treatments such as drugs.
  • Physical therapies (specific for TTH): various methods might help, such as specific exercises, therapeutic heat or cold, massage, postural correction, spinal manipulation, and electrical therapies like transcutaneous electrical nerve stimulation (TENS), electromagnetic therapy, ultrasound, and laser. Unfortunately, there are few high-quality scientific evaluating the effectiveness of physical therapy for TTH prevention, that we can use to tell which method works better than others. My suggestion would be to try and see which method works best for you.

Thank you friends for reading, hope you liked this blog post!

If you liked this article or think it may be helpful for someone you know, please share it on your social media, because “sharing is caring”.

And thanks for reading it!

See you soon,

Serena

Disclosure: I’m a doctor, therefore the information I share is based on my professional experience and sources I list at the end of the article. However, the information shared on this blog is not intended to replace a one-on-one relationship with a qualified health care professional. For any doubts or information, ask your trusted specialist.

Versione italiana

MAL DI TESTA E FATTORI PSICOLOGICI CORRELATI

Ciao amici, oggi vorrei approfondire con voi un disturbo molto comune, il MAL DI TESTA, e gli aspetti psicologici che possono influire su questo. Iniziamo con alcune informazioni mediche per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Il mal di testa è una malattia neurologica molto diffusa, tanto che il 46% degli adulti in tutto il mondo ne soffre. La prevalenza è più alta nelle donne rispetto agli uomini (mi dispiace, amiche).

Se soffrite spesso di attacchi di mal di testa, vi suggerisco di rivolgervi a uno specialista, che potrà fare una diagnosi della tipologia di cefalea e prescrivervi il trattamento più specifico, poiché ogni tipologia richiede trattamenti diversi. Le varianti più comuni sono le seguenti:

Cefalea di tipo tensivo (TTH)

La cefalea di tipo tensivo rappresenta il tipo IL PIÙ COMUNE in assoluto, ed è molto probabile che ognuno di noi l’abbia sperimentata almeno una volta nella vita. È caratterizzata da un mal di testa di intensità da lieve a moderato, che dura da pochi minuti fino ad alcuni giorni. Di solito si presenta in entrambi i lati della testa (bilaterale), “comprimente” ma NON “pulsante”, e non presenta altre caratteristiche associate (per esempio nausea; è possibile però che la persona senta una maggiore sensibilità alla luce o ai suoni). Può presentarsi anche con un dolore pericranico alla palpazione, cioè un dolore che interessa i muscoli del cranio e del collo.

Emicrania

L’emicrania si presenta di solito -ma non sempre- solo in metà testa (unilaterale) e si manifesta con un dolore “pulsante”; è caratterizzata da attacchi ricorrenti e può essere accompagnata da nausea, vomito, e maggiore fastidio per i suoni e le luci.

Il 25% delle persone che ne soffre sperimenta un fenomeno chiamato AURA, che è caratterizzato da sintomi neurologici di solito visivi (es. vedere linee o forme luminose), ma che possono essere anche uditivi (ad es. rumori, fischi), sensoriali (ad es. sensazione di bruciore alla pelle) o motori (es. movimenti ripetitivi di alcune parti del corpo).

Esistono anche altri tipi meno frequenti, ad esempio la cefalea a grappolo; in generale è importante che il vostro medico possa fare la diagnosi differenziale tra questi, per potervi consigliare meglio.

Parleremo ora dell’influenza dei fattori psicologici sul mal di testa, e di come alcuni trattamenti preventivi potrebbero essere utili in tal senso.

FATTORI PSICOLOGICI E ALTRI FATTORI SCATENANTI

I fattori psicologici esercitano un peso enorme nello scatenarsi degli attacchi di mal di testa: infatti sia lo stress che la tensione emotiva sono considerati i fattori scatenanti più comuni sia del TTH che dell’emicrania.

Il meccanismo non è ancora chiaro, ma si pensa che lo stress possa aumentare la sensibilità generale dell’individuo al dolore.

E’ comune, inoltre, che chi soffre di cefalea ricorrente possa avere dei disturbi psichiatrici coesistenti, in particolare depressione e ansia. Questi due disturbi potrebbero aumentare la frequenza degli attacchi e aggravarne l’intensità, per cui è importante che ci sia un trattamento congiunto.

Il meccanismo alla base di questa correlazione è noto come “sensibilizzazione centrale”: cercando di semplificarlo, diciamo che chi soffre di questi disturbi è predisposto a un processo in cui i neuroni diventano sempre più sensibili alle “stimolazione”, che sia dolorosa o meno, dando delle “risposte neuronali” amplificate.

C’è poi un altro aspetto molto interessante evidenziato dagli studi scientifici: le persone che soffrono di cefalea presentano complessivamente una capacità di risoluzione dei problemi più bassa. Tendono maggiormente a intrepretare i “problemi della vita” come minacce, a mettere in dubbio le loro capacità di risolverli, e facilmente rispondono alle difficoltà con frustrazione e irritazione. Ciò ha un risvolto importante per quanto riguarda il trattamento: mentre in passato il primo consiglio medico dato a chi soffriva di cefalea era di evitare i triggers (fattori scatenanti), ora il suggerimento principale è quello di identificarli (che siano fisici, psicologici o comportamentali) e di sviluppare efficaci “strategie di coping”, cioè strategie di adattamento e superamento, specialmente per lo stress.

Altri fattori scatenanti, che sono noti per generare un livello maggiore di stress per il sistema corpo-mente, sono:

  • Fattori legati alla routine alimentare: saltare i pasti, mangiare troppo poco, non mangiare ad orari regolari e digiunare. Siate dunque CONSAPEVOLI DEI POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI DELLE DIETE che propongono il digiuno, abbastanza di moda oggi, che possono essere dannose per chi soffre di cefalea.
  • Consumare troppa caffeina o meno rispetto al solito, andando incontro all’astinenza
  • Bere alcolici e consumare alcuni cibi come i formaggi stagionati
  • Affaticamento psicofisico
  • Mancanza di sonno e disturbi del sonno
  • Altri fattori scatenanti, specifici per l’emicrania: ciclo mestruale, luci, cambiamenti meteorologici, odori forti, dolore al collo, nitrati, aspartame, fumo, calore.

TRATTAMENTI

I trattamenti per il mal di testa possono essere di due tipi, acuti o preventivi.

Trattamenti farmacologici acuti

Sono medicinali da assumere quando si presenta l’attacco, per superare i sintomi. Sono indicati per la cefalea a bassa frequenza (massimo 1 giorno al mese). Questi farmaci sono rappresentanti da analgesici, come paracetamolo, farmaci antinfiammatori non steroidei e triptani. Parlate con il vostro medico per scegliere i farmaci più indicati per il vostro caso.

Trattamenti farmacologici preventivi

Sono indicati per chi soffre di attacchi “ad alta frequenza” (1-14 giorni al mese) e “cronici” (> 15 giorni al mese). Sono disponibili diversi farmaci:


  • Per il TTH, le evidenze scientifiche più forti sono a favore di antidepressivi triciclici, come l’amitriptilina, seguiti da antidepressivi di altro genere come mirtazapina e venlafaxina; inoltre sono utilizzabili antiepilettici come topiramato, e infine altri farmaci come gabapentin o rilassanti muscolare.
  • Per l’emicrania: sono indicati i beta-bloccanti come il metoprololo, gli antidepressivi come amitriptilina, e gli antiepilettici come il valproato.

Come sopra, vi invito a rivolgervi al vostro medico di fiducia per scegliere i migliori farmaci per il vostro caso.

Attenzione: esiste un certo numero di “rimedi naturali/erboristici/omeopatici” che vengono promossi per la cura del mal di testa, ma gli studi scientifici non hanno rilevato nessun beneficio sicuro, per cui non rappresentano rimedi raccomandati dalla comunità medico-scientifica.

Trattamenti preventivi non farmacologici

Esitono poi approcci preventivi non farmacologici, che possono influire in maniera positiva sulla frequenza e sulla gravità degli attacchi. Innanzitutto, bisogna migliorare lo stile di vita in modo da renderlo più salutare possibile. Come possiamo fare?

  • Migliorare il sonno tramite una buona “igiene del sonno”: mantenere degli orari del sonno regolari ogni giorno; praticare una routine per andare a dormire; evitare sigarette, caffeina (CAFFÈ, TÈ, bibite con caffeina) e pasti pesanti nel pomeriggio-sera; investire in un ambiente confortevole per camera da letto (materasso comodo, blocco dei rumore, temperatura adeguata); evitare l’uso di dispositivi elettronici (telefoni o ebooks) almeno 30 minuti prima dell’ora in cui andate a letto.
  • Migliorare l’alimentazione, in modo che sia salutare e regolare in quanto a orari dei pasti. Le linee guida generali raccomandano di aumentare il consumo di frutta e verdura, legumi, cereali integrali, semi e frutta secca. Diminuire quello di cibi raffinati, in particolare sale, zucchero, grassi saturi (che si trovano nei burri, nella carne grassa, nei formaggi). Se la caffeina per voi rappresenta un trigger, è consigliato sospendere il consumo di bevande che la contengono.
  • Migliorare il livello di esercizio fisico: praticate regolarmente attività fisica, secondo la regola “solita” per la salute mentale, cioè 30 MINUTI AL GIORNO. Va bene qualsiasi tipo di attività (sì, anche le passeggiate contano!).
  • Smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol

Trattamenti specifici per ridurre lo stress

  • Tecniche di rilassamento: queste agiscono modificando le risposte spontanee del nostro fisico allo stress, diminuendo l’eccitazione del “sistema nervoso simpatico” (quello legato alla risposta di attacco o fuga) a eventi non desiderati, tra cui il mal di testa. Queste tecniche includono la meditazione, il rilassamento muscolare progressivo, il training autogeno, e l’autoipnosi. Inoltre, anche lo yoga può promuovere una riduzione dei livelli di stress.
  • Psicoterapia cognitivo-comportamentale: insegna ad identificare e valutare pensieri e convinzioni disfunzionali, e aiuta a sviluppare nuovi modi di comportarsi più funzionali alle specifiche situazioni. Nel caso di mal di testa, la terapia cognitivo-comportamentale cerca di modificare una risposta disadattiva (l’episodio cefalalgico) a eventi stressanti, modificando la normale catena di interpretazioni, pensieri e ipotesi associate all’evento. Ad esempio, un metodo comportamentale specifico che può essere usato è quello del “learning to cope” (LTC), in cui si espone gradualmente l’individuo ai fattori scatenanti il mal di testa, per promuoverne la desensibilizzazione.
  • Biofeedback: un metodo particolare basato sulla teoria che una persona può imparare a controllare i processi fisiologici involontari e subconsci, quando le informazioni su questi processi sono riportate sotto forma di segnale visivo o uditivo. Potrebbe aiutare a risolvere o prevenire la tensione muscolare pericranica associata al mal di testa.
  • Agopuntura: ci sono prove scientifiche che mostrano dei benefici, seppur modesti. Può essere indicata per le persone che non tollerano o non desiderano i trattamenti farmacologici.
  • Fisioterapia (specifica per il TTH): esistono vari metodi che possono aiutare chi soffre di TTH, tra cui esercizi specifici, terapia del “caldo o freddo”, massaggi, correzione posturale, manipolazione spinale e terapie elettriche come la stimolazione nervosa elettrica transcutanea ( TENS), ultrasuoni e laser. Ci sono pochi studi scientifici che ci dicano quale sia il metodo migliore, per cui il consiglio è di provare.

Spero che queste informazioni vi siano state utili, amici.

Se questo articolo vi è piaciuto o pensate che possa essere utile a qualcuno che conoscete, vi chiedo di condividerlo sui vostri social media.

Grazie per aver letto l’articolo! 

Alla prossima puntata,

Serena

Attenzione: sono un medico; le informazioni che trovi nell’articolo derivano dalle fonti citate in fondo e dalla mia esperienza professionale. Tuttavia, queste informazioni non possono in alcun modo sostituire il rapporto personale con un professionista sanitario. Per qualsiasi dubbio o informazioni, ti invito a rivolgerti al tuo medico di fiducia.

Bibliography/bibliografia

  • “Uptodate”
  • “Precipitating and aggravating factors of migraine versus tension-type headache” Spierings 2001
  • “Update of Chronic Tension-Type Headache” Shengyuan Yu & Xun Han 2015
  • “ Social problem-solving, perceived stress, depression and life-satisfaction, in patients suffering from tension type and migraine headaches” Eskin 2013