EATING DISORDERS AWARENESS WEEK 2019| #cosìcomesono

[Vai alla versione italiana]

#ASYOUARE

February 25 – March 3 2019 marks the National Eating Disorders Awareness Week.

The National Eating Disorders Association (NEDA) campaign ”Come as you are” encourages us to accept who we are right now, without thinking we should be something different.

Eating disorders are so intrinsically related to society messages about body image.

I believe we should do everything in our power to fight this and to allow a better cultural environment towards body acceptance for next generations.

You can start by challenging the way you are accustomed (by society) to perceive your bodies:

  • There is no value in being a particular size or a particular shape: food and body image have not moral values.
  • Your life purpose is not to lose weight/being in shape. Stop gloryifing weight loss! Even if you are well-meaning, stop commenting on weight and shape (with yourself and with others) because it reinforces the mental trap that a certain size/shape is better, healthier, or more worthy.
  • You are more than how you look. You are a person with feelings, thoughts, ideas, desires, passions, relationships, jobs, hobbies. You deserve to live a full life which reflects the glorious multifaceted being you are.

You are so much more than your appearance, #comeasyouare because you are worthy of it.

My challenge for you is to reflect on what makes you “you” as a whole being, not related to your appearance. You can tell me your thoughts in the comment section below.

I can’t wait to read your beautiful words 

Have a nice day readers!

Serena

Versione italiana

#COSìCOMESONO

La settimana dal 25 febbraio al 5 marzo 2019 è dedicata alla sensibilizzazione sui disturbi alimentari. La National Eating Disorders Association (NEDA) ha scelto lo slogan  “Come as you are” ( che potremmo tradurre “vieni come sei”,  “così come sei”) che ci invita ad accettarci per come siamo in questo momento, senza pensare che dovremmo essere qualcosa di diverso.

I disturbi alimentari sono intrinsecamente legati ai messaggi trasmessi dalla società sull’immagine corporea.

Credo dovremmo fare tutto ciò che è in nostro potere per promuovere il cambiamento verso un migliore terreno culturale nei confronti dell’accettazione corporea

Possiamo iniziare modificando attivamente il modo in cui siamo abituati (dalla società) a vivere la relazione con il corpo:

  • Non c’è alcun valore nel raggiungere una particolare taglia o una particolare forma: cibo e corpo non sono legati a valori morali.
  • Lo scopo della vita non è quello di perdere peso/essere in forma: smetti di fare complimenti per la perdita di peso come se fosse un traguardo morale. Anche se di sicuro hai buone intenzioni, fare commenti sul peso e sulla forma (tuoi e degli altri) rinforza la concezione che una certa taglia/forma sia migliore, più sana o più meritevole.
  • Sei molto di più di come appari. Sei una persona con sentimenti, pensieri, idee, desideri, passioni, relazioni, lavoro, hobby. Meriti di vivere una vita piena che rifletta tutte le meravigliose sfaccettature che ti rappresentano.

Non sei il tuo aspetto fisico, sei una persona completa, “vieni come sei, così come sei” più perché sei degno di farlo.

Spero che anche voi vogliate prendere parte a questa battaglia che ci riguarda tutti. Vi invito a riflettere su un aggettivo o una descrizione che rappresenti chi siete nella vostra interezza, non correlato al vostro aspetto. Potete scriverlo nei commenti in basso.

Non vedo l’ora di leggere le vostre parole.

Buona giornata!

Serena