HOW TO HELP SOMEONE WITH ANXIETY | Come aiutare un amico o un familiare che soffre di ansia

[Vai alla versione italiana]

HOW TO HELP SOMEONE WITH ANXIETY

Previously

Dear readers, here we are following up on our #anxietyseries

In previous articles, we covered the following: what anxiety is, how to communicate it and what to do if it is too much (click here to read it); specific treatments and tips to deal with it (click here); everything about panic attacks (click here). 

As promised, in this last episode of the series we will explore how to help a friend or a relative who is suffering from anxiety.

As we said, anxiety is so common that it is likely to know someone struggling with it, within your close circle of friends and family members.

The good news is: you can be of help.

In the following paragraphs, I’ll walk you through some simple actions you may take in order to be of service.

Let’s start!

GET INFORMED

The first thing you can do to help someone suffering from anxiety is getting educated on the topic.

You can either ask your doctor for educational materials or search the internet for resources on anxiety (refer only to professionals’ websites or mental health associations’ resources).  This way you will understand what your friend/relative is feeling and thinking, you will learn how to recognize symptoms of anxiety and which treatments are available.

Education is power!

ADDRESS THE TOPIC

Often, people suffering from mental health issues find it difficult to share their problems, because of the fear to be misunderstood or judged.

If you believe that someone you know might be dealing with anxiety, try to talk openly about the topic: let them know you are concerned for their wellness, list which signs you have noticed and reassure them that you are willing to help in any possible way.

PRACTICE A SUPPORTIVE ATTITUDE

Sometimes you might think to know what is best for the people that you love, however dealing with anxiety is no simple business; and understanding what another person is going through isn’t simple as well.

Everyone is different and everyone has the right to live their life the way they feel right.
Keeping this in mind, try to listen and be supportive avoiding a judgmental or demeaning approach.

Here some suggestions on how to do this:

  • Do not judge or make fun of other people feelings and thoughts. Even if they are different from yours, they are valid.
  • Do not diminish the problem: avoid sentences like “don’t make it worse than it is”, “it’s in your mind/imagination”, “it’ll go away”.
  • Do not try to find a “fix” or give unsolicited advice. 
  • Do acknowledge the suffering: given that someone else’s experience is inevitably different from your own, it might be difficult to understand clearly what another person is going through. However, pain and suffering (even when psychological) are something everyone can relate to. So, you can start by acknowledging that your friend or relative is suffering. For example, you can say: “I understand you are dealing with something very difficult and this makes you suffer”. Doing so, you’ll make the other person feel seen and heard
  • Be willing to explore internal experiences: asking clarifying questions shows that you care and you want to understand. Some examples of questions you can ask: “Can you explain to me what is like to experience anxiety for you?”; “Can you describe what you feel during a panic attack?”. Ask openly about: descriptions of emotions, thoughts and body reactions linked to anxiety; examples of words/scenarios which trigger or worsen anxiety. Always listen nonjudgmentally.
  • Do ask how you can help. The service you can give depends on the person who is dealing with the problem, and also on the specific time. Sometimes your friends might just need someone to share their experience with. Other times they might need practical gestures, like going with them to see a specialist or taking a walk during a difficult moment. Ask what you can do, be propositive but do not force your presence or your solutions by any meaning.
  • Do stay positive: use a positive language, remind the person you care about that dealing with anxiety is possible and that you will be by their side through all the process.

ACCOUNTABILITY

Showing someone that you care means being present and proactive.

Check in with your friend/relative regularly. A simple text asking how they are doing can go a long way.

Then, offer your help to brainstorm with them on possible actions to take in order to deal with the issue. Reflect with them about strategies: what works for them? Identify together a list of helpful techniques to reduce their levels of anxiety: self-care actions, stress managing techniques, medications to use during a crisis.  Some examples of actions to take into considerations:

  • lifestyle changes: healthy diet, exercise and sleep hygiene are all known to be helpful in reducing anxiety levels
  • self-monitoring or journaling (we discussed it here)
  • meditation, yoga, relaxation techniques
  • tips to reframe anxiety based thinking (see this post to look at some tips).

Prepare with them an “anxiety-plan” so that you both are ready and know how to deal with symptoms whenever they show.

The next step is to act as an accountability partner for this plan: for example, if you wrote down that a daily walk is a powerful strategy that works for your friend/relative, you can offer to go with them or remind them daily to take the walk.

ENCOURAGE PROFESSIONAL HELP

Remind your friend/relative that they don’t have to deal with anxiety all alone. Professional help is available and different options can be sought: you can offer the person to go with them to see their general practitioner or to search for mental health professionals. During a crisis, keep in mind that is possible to call the specialist or to reach the ER if needed.

I want to remember you that we want to destigmatize the mental health world, so please be the first one to avoid stigma by opening this discussion with your friend: let them know it is common to experience mental health issue and to seek professional help.

Don’t be scared to speak up!

In conclusion, the biggest help you can offer is destigmatize your loved one’s experience: reassure them that anxiety is not a character flaw or a sign of weakness and incompetence. Normalize their experiences you can relate to. Reassure them that if anxiety symptoms will show they’ll be able to deal with them and you’ll be there to help.

What’s next?

I want to thank you for walking with me through this #anxietyseries. Next articles will be on eating disorders and depression. So, stay tuned, friends! 

If you liked this article or think it may be helpful for someone you know, please share it on your social media, because “sharing is caring”.

And thanks for reading it!

See you soon

Serena

Disclosure: I’m a doctor, therefore the information I share is based on my professional experience and sources I list at the end of the article. However, the information shared on this blog is not intended to replace a one-on-one relationship with a qualified health care professional. For any doubts or information, ask your trusted specialist.

Versione italiana

ANSIA: COME AIUTARE UN AMICO O UN FAMILIARE CHE NE SOFFRE

Amici, eccoci arrivati all’ultimo capitolo di questa serie dedicata al mondo dell’ansia

Negli articoli precedenti, abbiamo trattato l’argomento da diverse angolazioni: cos’è l’ansia, come comunicarla e cosa fare quando è troppa (clicca qui); trattamenti specifici e strategie per gestirla (clicca qui); attacchi di panico e come affrontarli (clicca qui).

Come promesso, in questo ultimo episodio parleremo di come aiutare un amico o un parente che soffre di ansia.

Come abbiamo già detto, le problematiche legate all’ansia sono così comuni che è probabile conoscere qualcuno che ne soffre, nella vostra cerchia di amici o parenti

La buona notizia è che TU puoi essere di aiuto.

Nei paragrafi seguenti, illustrerò alcune semplici azioni che si possono intraprendere per essere di aiuto in queste situazioni.

INFORMATI

La prima cosa che puoi fare per aiutare qualcuno che soffre di ansia è istruire te stesso sull’argomento. Se non sai da dove partire, chiedi al tuo medico del materiale informativo o cerca in internet (in questo caso, fai riferimento però solo ai siti di professionisti sanitari o di associazioni ufficiali). Informandoti sull’argomento, potrai capire quali sono le emozioni e i pensieri vissuti dalla persona che ti sta a cuore; imparerai come riconoscere i sintomi d’ansia e quali sono i trattamenti disponibili.

L’informazione è  sempre la strategia più potente che possiamo utilizzare per affrontare qualsiasi situazione!

AFFRONTA L’ARGOMENTO

Spesso, le persone che soffrono di problemi legati alla sfera psichica trovano difficile aprirsi con gli altri per paura di essere fraintese o giudicate. Se pensi che qualcuno a te caro possa avere a che fare con problemi di ansia, prova ad affrontare apertamente l’argomento: fagli sapere che sei preoccupato per il suo benessere, descrivigli che sintomi o segni hai notato, rassicuralo che tu ci sei e che vorresti essere di aiuto.

PRATICA UN ATTEGGIAMENTO SUPPORTIVO

A volte pensiamo di sapere cosa sia meglio per le persone a noi care. Tuttavia, avere a che fare con l’ansia non è semplice, e  lo è ancora meno capire cosa stia passando chi ne soffre.

Ognuno è diverso e ognuno ha il diritto di vivere la propria vita nel modo in cui ritiene giusto. Tenendo questo presente, quello che puoi fare è ascoltare ed essere di supporto evitando qualsiasi approccio giudicante o svilente. Ecco alcuni suggerimenti su come comportarsi:

  • Non giudicare o prendere in giro i suoi vissuti. Anche se sono diversi dai tuoi, sono validi.
  • Non sminuire il problema: evita frasi come “non ingigantire la cosa”, “non è reale, è tutto nella tua testa”; “vedrai che andrà via”.
  • Non cercare di trovare la “soluzione” o di dare consigli a tutti i costi.
  • Riconosci la sofferenza: visto che l’esperienza degli altri è inevitabilmente diversa dalla tua, può essere difficile comprendere con chiarezza cosa stia provando un’altra persona. Tuttavia, la sofferenza (anche psicologica) è qualcosa che ci accomuna e con cui possiamo empatizzare. Quindi,  puoi riconoscere che il tuo amico o parente sta soffrendo. Ad esempio, puoi dire “Capisco che hai a che fare con qualcosa di molto difficile e questo ti fa soffrire“. Così facendo, farai sentire l’altra persona compresa e ascoltata.
  • Sii disponibile ad esplorare i suoi vissuti: un modo di mostrare interesse e vicinanza, e di capire meglio la situazione, è quello di chiedere chiarimenti. Alcuni esempi di domande che puoi fare: “Mi puoi spiegare cosa significa per te essere in ansia?”; “Puoi descrivermi cosa provi durante un attacco di panico?“. Chiedi apertamente descrizioni di emozioni, pensieri e reazioni corporee legate all’ansia; esempi di parole o situazioni che la innescano o la peggiorano. Ricordati di ascoltare sempre senza giudicare.
  • Chiedi come puoi essere di aiuto: il supporto che puoi offrire dipende molto dalla persona che sta affrontando il problema e anche dallo specifico momento: a volte il tuo caro potrebbe semplicemente aver bisogno di qualcuno con cui condividere la sua esperienza. Altre volte potrebbe aver bisogno di gesti concreti, come essere accompagnato a una visita o uscire a fare una passeggiata durante una giornata difficile. Chiedi apertamente come puoi aiutate, sii propositivo ma non imporre la tua presenza o le tue “soluzioni”.
  • Rimani positivo: usa un linguaggio positivo, ricorda alla persona a cui tieni che affrontare l’ansia è possibile e che sarai al suo fianco finché ne avrà bisogno.

AGISCI DA MEMBRO DELLA “SQUADRA”

La presenza, la costanza e la proattività ci permettono di esprimere interesse e cura per l’altra persona.

Contatta regolarmente con il tuo amico/parente: un semplice messaggio per chiedere come va può già significare molto. 

Offri il tuo supporto per ragionare insieme sulle possibili azioni da intraprendere per affrontare il problema. Riflettete sulle possibili strategie: ripercorrendo le situazioni passate, riuscite ad identificare cosa è stato di aiuto o lo ha fatto sentire meglio? Buttate giù un semplice elenco di strategie per ridurre i livelli di ansia: azioni di cura di sè, tecniche di gestione dello stress, farmaci da utilizzare durante una crisi, ecc. Alcuni esempi di azioni da prendere in considerazione:

  • Modifiche dello stile di vita: dieta sana, esercizio fisico e igiene del sonno sono noti per aiutare a ridurre i livelli di ansia
  • Meditazione, yoga, tecniche di rilassamento
  • Tecniche di riformulazione dei pensieri che portano all’ansia (vedi questo post per alcuni suggerimenti).

Dopo aver buttato giù la lista, preparate un “piano di attacco” in modo da essere preparati e sapere cosa fare quando i sintomi ricompaiono o si intensificano.

Il passo successivo è quello di agire come membro della squadra rispetto a questo piano: ad esempio, se avete scritto che la passeggiata giornaliera è una strategia che funziona per il tuo amico/parente, puoi offrirti di accompagnarlo o ricordargli ogni giorno di fare la passeggiata.

INCORAGGIA A CHIEDERE AIUTO PROFESSIONALE

Ricorda al tuo caro che non deve affrontare l’ansia da solo, e che ci sono professionisti della salute mentale che possono aiutarlo attraverso diverse opzioni di trattamento: puoi offrirti di accompagnare il tuo amico/parente dal medico di base o di cercare insieme un professionista. Durante una crisi, tieni presente che è possibile contattare lo specialista o raggiungere il pronto soccorso se necessario.

L’obiettivo che cerchiamo di raggiungere (il mio in primis, tramite questo blog) è quello di destigmatizzare il mondo della salute mentale, quindi ti invito ad essere il primo a evitare lo stigma e discutere apertamente di questo: ricorda alla persona a te cara che i problemi psichici sono molto comuni e che è normale rivolgersi a professionisti. Non aver paura di parlarne!

Il messaggio che vorrei vi portaste a casa da queste parole è che l’aiuto maggiore che si può offrire è quello di destigmatizzare l’esperienza delle persone che ci stanno a cuore: rassicuriamoli che l’ansia non è un difetto del carattere, un segno di debolezza o di incompetenza. Normalizziamo il più possibile le loro esperienze, soprattutto quelle che riusciamo a comprendere. Rassicuriamoli che quando l’ansia si manifesterà saranno in grado di gestirla e che noi saremo pronti ad aiutarli.

Nei prossimi articoli

Voglio ringraziarvi per avermi accompagnato con curiosità in questa serie dedicata all’ansia. I prossimi articoli riguarderanno i disturbi alimentari e la depressione. Quindi rimanete sintonizzati, torno presto!

Se questo articolo ti è piaciuto o pensi che possa essere utile a qualcuno che conosci, ti chiedo di condividerlo sui tuoi social media. Condividere è un modo di “prendersi cura” degli altri.

Grazie per aver letto l’articolo!  

Alla prossima puntata, 

Serena

Attenzione: sono un medico; le informazioni che trovi nell’articolo derivano dalle fonti citate e dalla mia esperienza professionale. Tuttavia, queste informazioni non possono in alcun modo sostituire il rapporto personale con un professionista sanitario. Per qualsiasi dubbio o informazioni, ti invito a rivolgerti al tuo medico di fiducia.