PANIC ATTACKS: EVERYTHING YOU WANTED TO KNOW | Attacchi di panico: tutto ciò che volevi sapere

[Vai alla versione italiana]

PANIC ATTACKS: EVERYTHING YOU WANTED TO KNOW

Hello dear readers, here we are again to talk about anxiety and anxiety disorders. In the previous articles, we covered different angles of the topic: what anxiety is, how to communicate it and what to do if it is too much (click here if you haven’t read it yet), as well as specific treatments for anxiety and tips to deal with it (click here if you want to review those tips).

Today, I want to explore with you the world of panic attacks, which are so scary but yet so common.

Without proper treatments, panic attacks may strongly affect your quality of life, creating discomfort and limitations of your personal/professional life. Some people suffering from panic attacks may feel ashamed for not being able to carry on with their daily life, engaging in normal activities like going to the grocery stores. A study showed that the number of leave-days was higher for people with anxiety disorders than for people affected by diabetes, cardiac disease, or renal disease. Sadly, this is not spoken about enough and there is still so much stigma around psychiatric disorders.

This is why it’s so important to understand what panic attacks are and how to deal with them.

Keep this in mind: there is nothing to be ashamed of; there is a lot to be acknowledged, understood and mindfully taken care of with the right support.

What it is like to have a panic attack: personal experiences

“Experiencing a panic attack, to someone, feels like dying.”

I strongly reckon that first-hand experiences and descriptions make the best tool to truly understand any type of psychological and mental discomfort/issues.

On my Instagram account, I asked to my readers (you guys are the best!) to kindly share what a panic attack looks like to them, and these are some of the experiences I collected:

  • “I felt sweaty and cold at the same time, my chest was extremely tight and I couldn’t stop crying. I couldn’t walk because my legs were numb. I felt like I had a headache that made my ears hurt just listening to the noise of people moving around me. My heart almost hurt from beating so hard, like I had been sprinting and suddenly stopped”.
  • “Usually, I feel cold sweating, heart racing, faintness, hyperventilation. Sometimes I fell asleep immediately after the attack as if the effort was too much. When I realize it’s coming, I try not to oppose the wave … it feels endless. One of the worst things is the moment after the attack”.
  • “I always get dizzy and feel like I’m going to faint; then it gets really bad and the panic sets in. I can’t even really hear or see anything at that point. I’ll start sweating and crying too”.
  • “For me, it’s like losing my mind and going to die. You know it’s not true but the more you think about it, the worse it gets”.
  • “It starts with a sense of detachment as if I were out of context. Then I perceive a sense of inferiority compared to those around me, then I feel trapped as if I could not escape…there is no escape from what scares me “.

Symptoms of Panic Attacks and Panic Disorder

Usually, panic attacks are represented by brief, spontaneous episodes of intense, overwhelming and uncontrollable fear, which can last from several minutes up to an hour. During a panic attack, the person can feel:

  • Fear of a disaster happening, even if there is no real danger;
  • Fear of death;
  • Fear of losing control;
  • Feelings of unreality (“derealization”) or of being detached from oneself (“depersonalization”);
  • Physical symptoms may occur as well: heart palpitations or accelerated heart rate, trembling, sweating, shortness of breath or sensation of choking, chills, weakness or dizziness, stomach pain/nausea, tingly or numb hands, chest pain.

Panic attacks can occur occasionally: this form is much more common than Panic disorder.

At some point in their life one out of three people experiences occasional panic attacks.

For some (but not for all) of them, panic attacks develop into a proper Panic disorder: in such a case, the occurrence of panic attacks is recurrent, leading the person to worry about the possibility of new attacks striking again, or even avoiding specific places or situations based on the fear that those might trigger other attacks.

Commonly, panic disorder shows at teenage, or early adulthood (if you like statistics, the median age of onset is 24 years), twice likely for women than men.

People who experience several panic attacks can develop “agoraphobia”, which is a disproportionate fear of public places, or spaces perceived as too open, crowded or dangerous; this is linked to the fear that, in case of adversities/symptoms, help may not be available or it may be difficult to leave the situation.

Causes and related diseases

Causes of panic disorders are still not fully understood, but there are both genetic and environmental roots. The model which best explains this is the “stress-diathesis” one: for this model, an underlying genetic predisposition might be triggered by life stressors (difficult periods of life, childhood adversities, and so on). Some specific temperament traits might predispose to develop panic attacks, like a lower resilience to stressors and a trait called “anxiety sensitivity”, which is a tendency of misinterpreting harmless body sensations as dangerous threats (eg. feeling a rapid heartbeat and automatically thinking it’s a heart attack).

Commonly, other concomitant psychiatric illnesses may be present, especially major depression, social anxiety disorder, generalized anxiety disorder, post-traumatic stress disorder, bipolar disorder, and alcohol abuse.

Note that alcohol can be tricky in the case of anxiety disorders: sometimes people consume alcohol as a “self-medication”, for its sedative-hypnotic and short-lived anxiolytic action; however, as soon as blood level lower, there is actually a rebound effect with exacerbation of anxiety symptoms. Plus, alcohol can exert a progressive anxiogenic effect over time. Please, be aware of these detrimental effects if you have anxiety issues (and the general negative effects of alcohol on physical health).

Furthermore, anxiety has been shown to be associated with medical disorders, especially cardiovascular ones (click here to know more about this). People suffering from panic disorder have been shown to have also a higher prevalence of asthma, coronary artery disease, hypertension, ulcer, interstitial cystitis, migraine headaches.

What if you experience panic attacks?

If you have experienced recurrent panic attacks, I suggest you talk to your doctor for an assessment. He/she would rule out general medical conditions and refer you to a mental health specialist.

If you are scared to do so, and I know many of you may be, in a previous article we discussed how to deal with this fear (click here).

Usually, what we don’t know scares us. To conquer this fear, KNOWLEDGE is essential: by getting to know what to expect from an appointment with a mental health specialist, and by collecting information about what it is going on with our mind and body, we gear up to face appropriately any kind of issues.

Never underestimate the power of knowledge.

The specific treatments for panic disorders are psychotherapy, medications or (ideally) both.

The specific medications belong to the following classes:

  • Antidepressants: such as “Selective serotonin reuptake inhibitors” (SSRIs) and “Serotonin-norepinephrine reuptake inhibitors” (SNRIs); these are both used for depressive and anxiety disorders. They may take some weeks to start working; usually, side effects (as a headache, nausea…) are avoided if the dose is upped slowly. Other antidepressant medications may be used, as “Tricyclic antidepressants” (TCADs), “Monoamine oxidase inhibitors” (MAOIs).
  • Beta-blockers: they may be helpful to control the cardiac physical symptoms of panic disorder.
  • Benzodiazepines: these medications are very effective as a rapid control of symptoms, but they have to be used for short periods because can cause tolerance and dependence if used continuously.

Commonly, the psychotherapy used for panic attacks is Cognitive Behavioral Therapy (CBT), which works through learning different and new ways to react to attacks. According to CBT techniques “treatment begins with education” (I love this quote so much!). Furthermore, there are several techniques which are specific, and would require an appropriate setting to be described fully (such as cognitive restructuring, progressive muscle relaxation, exposure…); here I will list two techniques that I reckon can be easily understood and useful in general for anxiety symptoms.

  • Self-monitoring: keeping both a panic attack record, to be completed as soon as possible after each panic attack; here you should describe cues, maximal distress, symptoms, thoughts and behaviors related to the event. In addition, daily mood record may be completed, at the end of each day, to record levels of anxiety or depression, and daily activities or situations avoided because of the anxiety.
  • Breathing training: the specifics of this technique is beyond the scope of the current article, but, in general, breathing control is a useful tool for anxiety and stress. I invite you to have a look at the of breathing exercise I described in a previous article (click here). Whenever you feel anxious, remind yourself to slow your breath. It may seem trivial, but is not.

Nonspecific interventions can be very helpful too, and in my practice, I’m a big supporter of these! If you follow me on social media you might have noticed that (click here for general tips to deal with anxiety, which can be applied to this too):

  • Healthy diet: it does not necessarily have to be anything too rigid or too difficult. Remember to eat a lot of vegetables, fruit, whole grains, lean protein, and limit packaged and refined foods.
  • Exercise:  same, nothing too difficult: choose an activity that you like and remember to move 30 minutes every day (light walking counts). I never get tired of repeating how much walking can be beneficial for mood and stress.
  • Sleep: don’t forget to preserve the right quantity and quality of sleep. Do you sleep enough? Is your sleep restful? Do you feel sleepy during the day? Be mindful of this!
  • Another tip that I find very helpful for my patients with panic attacks or a high level of anxiety is to prepare an “anxiety plan”: with the help of your trusted therapist/doctor, or even of a friend or family member, try to list a plan of actions to take in case of high level of anxiety or panic attacks. For example, select one or two close friends/family members to call in those situations; for someone else, it may be putting on a specific playlist, a podcast, a television show. For someone, a way to “escape” anxiety might be going immediately for a run!

Talking about these topics with your circle of significant people and reflecting (on your own, or with them) about what works on you to relieve anxiety is one of the best ways to increase self-awareness, to create meaningful relationships and healthy communicative dynamics.

What’s next?

In the next post of this #anxietyseries, I’ll discuss how to help friends/relatives who suffer from anxiety.

So, stay tuned, friends!

Hope this article was informative, helpful and understandable. If you have any additional doubts or questions on the topic, please tell me in the comment sections.

If you liked this article or think it may be helpful for someone you know, please share it on your social media, because “sharing is caring”.

And thanks for reading it!

See you soon,

Serena

Disclosure: I’m a doctor, therefore the information I share is based on my professional experience and sources I list at the end of the article. However, the information shared on this blog is not intended to replace a one-on-one relationship with a qualified health care professional. For any doubts or information, ask your trusted specialist.

Versione italiana

ATTACCHI DI PANICO: TUTTO CIO’ CHE VOLEVI SAPERE

Amici lettori, eccoci di nuovo qui a parlare di ansia e disturbi correlati. Negli articoli precedenti abbiamo affrontato diverse tematiche legate all’argomento, in particolare: cos’è l’ansia, come comunicarla e cosa fare se ne provi troppa (se non l’avete ancora letto, cliccate qui), così come trattamenti specifici per i disturbi d’ansia e strategie per gestirla meglio (clicca qui per leggeri i consigli).

Oggi voglio approfondire con voi il mondo degli attacchi di panico, che sono tanto spaventosi quanto comuni.

Se non sono trattati in modo adeguato, gli attacchi di panico possono influire fortemente sulla qualità della vita di una persona, creando disagio e limitazioni della vita personale e professionale. Alcune persone che soffrono di attacchi di panico provano “vergogna” per l’impossiblità di portare avanti alcuni aspetti della loro vita quotidiana, come potrebbe essere ad esempio entrare in un supermercato per fare la spesa. Uno studio ha mostrato come il numero di giorni di malattia presi a causa dei disturbi d’ansia è più elevato rispetto a quelli presi per altre patologie, come diabete o malattie cardiache. Purtroppo, pur essendo così comune e invalidante, non si parla ancora abbastanza dell’ansia e c’è ancora troppo stigma intorno al mondo della salute mentale. Per questo motivo è importante divulgare e informarsi.

Tenete a mente questo: non c’è niente di cui vergognarsi; c’è invece molto da scoprire, capire e affrontare con il giusto supporto.

Cosa si prova quando si ha un attacco di panico: testimonianze

“Avere un attacco di panico, per qualcuno, è come morire”.

Sono convinta che lo strumento migliore per comprendere a fondo qualsiasi tipo di disagio psichico o disturbo mentale sia rappresentato dalle esperienze personali di chi ne ha sofferto.

Nel mio account Instagram, ho chiesto ai miei followers di condividere la loro esperienza con gli attacchi di panico (vi ringrazio per aver risposto in tanti!); di seguito vi riporto sono alcune delle esperienze che ho raccolto:

  • “Provo sudorazione fredda, tachicardia, sensazione di svenimento, iperventilazione. A volte mi sono addormentata subito dopo, per lo sforzo. Quando mi accorgo di stare male, cerco di non oppormi all’ondata…sembrano istanti infiniti. Una delle cose peggiori è il post-attacco”.
  • “Sudore e contemporaneamente sensazione di freddo…sentivo una stretta al torace e non riuscivo a smettere di piangere. Non riuscivo a camminare perché le gambe non funzionavano. Un mal di testa così forte da sentire dolore nelle orecchie solo al rumore delle persone che si muovevano intorno a me. Il cuore faceva male da quanto batteva velocemente.”
  • “Ho sempre le vertigini e sento che sto per svenire, poi diventa insostenibile e il panico inizia. Non riesco nemmeno a sentire o vedere davvero nulla a quel punto. Inizio a sudare e a piangere “.
  • “Per me è come perdere la testa e morire. So che non è vero, ma più ci penso, peggio è”.
  • “Inizia con un senso di inadeguatezza, come se fossi fuori contesto. Poi percepisco un senso di inferiorità rispetto a chi mi circonda; poi mi sento braccato, come se non trovassi più vie di fuga..non c’è scampo a ciò che mi spaventa”.

Manifestazione degli Attacchi di panico e del Disturbo da attacchi di panico (DAP)

Un attacco di panico è rappresentato da un breve e improvviso episodio di paura intensa, travolgente e incontrollabile, che può durare da diversi minuti a circa un’ora. Durante l’attacco, la persona può provare:

  • La paura di disastro imminente, anche in assenza di qualsiasi pericolo reale;
  • Paura di morire;
  • Paura di perdere il controllo;
  • Sentimenti di irrealtà (“derealizzazione”) o di distacco da se stessi (“depersonalizzazione”);
  • Sintomi fisici: palpitazioni o battito cardiaco accelerato, tremori, sudorazione, sensazione di mancanza di respiro o di soffocamento, brividi, debolezza, vertigini, dolore allo stomaco/nausea, dolore o anestesia alle mani, dolore toracico.

Gli attacchi di panico possono essere occasionali: questa manifestazione è molto più comune del Disturbo da attacchi di panico (DAP).

Durante tutto l’arco della vita, 1 persona su 3 soffre di attacchi di panico sporadici.

Per alcune di queste persone (ma non per tutte), gli attacchi di panico si trasformano in un vero e proprio disturbo (DAP): in tal caso, gli attacchi sono ricorrenti e creano un forte disagio, portando chi ne soffre a preoccuparsi della possibilità di altri attacchi, o addirittura a evitare luoghi e situazioni specifici, per il timore che questi possano scatenare altri episodi.

Di solito, il DAP si manifesta durante l’adolescenza o la prima età adulta (se vi piace la statistica, la mediana dell’età d’esordio è di 24 anni); si presenta maggiormente nelle donne che negli uomini, con una probabilità doppia.

Le persone che soffrono di attacchi di panico multipli possono sviluppare una particolare forma chiamata “agorafobia“: questa rappresenta una paura sproporzionata di luoghi pubblici, luoghi percepiti come troppo aperti, affollati o pericolosi; questo perché c’è il timore che, in caso di avversità o di sintomi (come un nuovo attacco), non possano essere soccorsi facilmente o non possano “scappare” abbastanza velocemente da quel luogo.

Cause e patologie concomitanti

Le cause degli attacchi di panico non sono ancora del tutto chiare, ma ci sono sia basi genetiche che ambientali. Il modello che spiega meglio quello che succede è “la teoria diatesi-stress“: una predisposizione genetica di base può essere scatenata dallo stress causato dagli eventi di vita (periodi difficili, traumi in età infantile e così via). Alcuni tratti specifici del carattere possono predisporre allo sviluppo degli attacchi di panico, come una minore resilienza agli eventi stressanti, o anche un tratto chiamato “sensibilità all’ansia“, cioè una tendenza a interpretare sensazioni corporee neutre come minacce pericolose (ad esempio, percepire un’accelerazione del battito cardiaco e pensare automaticamente che sia un infarto).

La presenza contemporea di altre malattie psichiatriche è molto comune, specialmente per depressione maggiore, disturbo d’ansia sociale, disturbo d’ansia generalizzato, disturbo da stress post-traumatico, disturbo bipolare e abuso di alcool.

Si noti che l’alcool può essere un vero “nemico” in caso di problemi d’ansia: a volte le persone tendono a usarlo come “automedicazione“, per l’azione ansiolitica e sedativa (comunque di breve durata), ma bisogna ricordarsi che, appena il livello  di alcool nel sangue si abbassa, c’è un effetto di rimbalzo che porta di sintomi d’ansia a ri-esplodere. Inoltre, l’alcool può esercitare un effetto ansiogeno (cioè aumentare il livello di ansia) progressivo nel tempo. Se siete soliti bere alcolici e soffrite di ansia, tenete a mente questi effetti e cercate di ridurre/interrompere il consumo. Inoltre, è stata dimostrata un’associazione tra l’ansia e altri disturbi medici, in particolare quelli cardiovascolari (clicca qui per saperne di più). Le persone che soffrono di DAP hanno maggiore probabilità di soffrire anche di: asma, malattia coronarica, ipertensione, emicrania ed altre.

Cosa fare se soffri di attacchi di panico?

Se hai avuto più attacchi di panico, ti suggerisco di parlarne con il tuo medico per una valutazione approfondita. Lui/lei potrà prescrivere degli accertamenti per escludere condizioni mediche generali e ti potrà inviare da uno specialista della salute mentale.

Se questo passaggio vi mette paura, e so che per molti di voi potrebbe essere così, in uno dei post di questa serie sull’ansia abbiamo parlato di come affrontarla (clicca qui) .

Di solito, le cose nuove e sconosciute ci spaventano. Per superare questa paura, l’azione essenziale è INFORMARSI. Informarsi su cosa ci si deve aspettare da un appuntamento con uno specialista della salute mentale, informarsi per capire ciò che sta accadendo nella nostra mente e nel nostro corpo: in questo modo ci attrezziamo al meglio per affrontare adeguatamente qualsiasi tipo di problema. Mai sottovalutare il potere della conoscenza.

I trattamenti specifici per il DAP sono rappresentati da psicoterapia, farmaci o (idealmente) entrambi.

I farmaci utilizzati appartengono alle seguenti classi:

  • Antidepressivi: tra cui “Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina” (SSRI) e “Inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina” (SNRI); questi sono usati per i disturbi depressivi e d’ansia. Richiedono alcune settimane per iniziare a funzionare del tutto; di solito, partendo da un dosaggio basso e aumentando gradualmente la dose si evitano effetti collaterali (come mal di testa, nausea…). Possono essere usati anche altri farmaci antidepressivi, ma con meno frequenza, come “Antidepressivi triciclici” (TCA) e “Inibitori delle monoaminossidasi” (IMAO).
  • Beta-bloccanti: possono essere utili per controllare i sintomi fisici del DAP.
  • Benzodiazepine: questi farmaci sono molto efficaci come controllo rapido dei sintomi, ma devono essere usati per brevi periodi perché possono causare assuefazione e dipendenza se usati continuamente.

Comunemente, il tipo di psicoterapia più utilizzato per gli attacchi di panico è la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), che funziona promuovendo l’apprendimento di nuovi modi di “reagire” agli attacchi. Secondo le tecniche CBT “il trattamento inizia con l’educazione” (concordo e adoro!). La CBT prevede molte tecniche specifiche che richiederebbero articoli a parte per poter essere descritte in maniera esaustiva (come la ricostruzione cognitiva, il rilassamento muscolare progressivo o l’esposizione); qui elencherò due tecniche generiche che, a mio avviso, possono essere facilmente “comprese” e quindi utilizzate in generale per i sintomi di ansia.

  • Automonitoraggio: si effettua tenendo un diario degli attacchi di panico, da scrivere il prima possibile al termine di ogni attacco; qui vanno descritti i segnali interni, il livello massimo di disagio, i sintomi, pensieri e comportamenti presenti. Inoltre, si effettua tenendo un diario dell’umore giornaliero, da scrivere a fine giornata, registrando i livelli di ansia o depressione, e, se presente, le attività o le situazioni quotidiane evitate.
  • Allenamento della respirazione: la CBT prevede un allenamento specifico, ma possiamo dire che il controllo della respirazione sia una strategia utile in generale per alleviare l’ansia e lo stress; vi invito a dare un’occhiata all’esercizio proposto in un altro articolo della serie (clicca qui). Ricordarsi di “respirare” può sembrare banale, ma non lo è!

Per gli attacchi di panico, e per l’ansia in generale, sono molto utili anche interventi aspecifici legati allo stile di vita (di cui sono una grande fan, se mi seguite sui social media lo avrete notato):

  • Dieta sana: che non deve essere per forza nulla di troppo rigido o difficile. Ricordatevi di mangiare molta verdura, frutta, cereali integrali, fonti proteiche magre, pochi alimenti confezionati.
  • Esercizio fisico: non mi stanco mai di ripetere quanto una banale passeggiata possa influire moltissimo, con effetti positivi, sull’umore e sullo stress. Anche qui, niente di troppo difficile: scegliete un’attività che vi faccia divertire e ricordatevi ogni giorno di praticare 30 minuti di esercizio (vale anche la camminata leggera).
  • Sonno: è fondamentale preservare la giusta quantità e qualità del sonno. Dormite abbastanza ore? Vi svegliate riposati? Siete stanchi durante la giornata?. Proteggete il vostro sonno.
  • Un’altra strategia che trovo molto utile per i miei pazienti che soffrono di attacchi di panico o alti livelli di ansia è quello di preparare un “piano d’attacco“: con l’aiuto del vostro medico/terapeuta di fiducia, o anche di un amico/familiare, provate ad individuare ed elencare un piano di azioni da intraprendere in caso si dovesse presentare un attacco di panico o in caso di momento di ansia elevata. Ad esempio, per qualcuno questo significa individuare uno o due amici intimi/familiari da chiamare in tali situazioni; per qualcun altro può essere utile mettersi le cuffie e ascoltare una playlist specifica, un podcast, uno show televisivo. Per altri, un modo per “fuggire” dall’ansia è andare immediatamente a correre!

In generale, è molto utile parlare di questi argomenti con le “vostre persone”, cioè la cerchia di amici e familiari significativi, e anche riflettere (da soli o con loro) sulle tecniche che su di voi funzionano per alleviare l’ansia.

Riflettere e condividere con gli altri è uno dei modi migliori per aumentare la conoscenza di se stessi, creare relazioni significative e dinamiche sane di comunicazione.

Nei prossimi post…

Nell’ultimo post di questa “serie sull’ansia” parlerò di come aiutare amici o parenti che soffrono di disturbi d’ansia. Quindi, rimanete sintonizzati, amici!

Spero che questo articolo sia stato informativo, utile e comprensibile. Se hai dubbi o domande sull’argomento, non esitare a chiedermi informazioni aggiuntive nella sezione dei commenti.

Se questo articolo ti è piaciuto o pensi che possa essere utile a qualcuno che conosci, ti chiedo di condividerlo sui tuoi social media. Condividere è un modo di “prendersi cura” degli altri.

Grazie per aver letto l’articolo! 

Alla prossima puntata,

Serena

Attenzione: sono un medico; le informazioni che trovi nell’articolo derivano dalle fonti citate in fondo e dalla mia esperienza professionale. Tuttavia, queste informazioni non possono in alcun modo sostituire il rapporto personale con un professionista sanitario. Per qualsiasi dubbio o informazioni, ti invito a rivolgerti al tuo medico di fiducia.

Bibliography/BibliografiaN

https://www.nimh.nih.gov/health/publications/panic-disorder-when-fear-overwhelms/index.shtmlh