What’s anxiety, how to communicate it and what to do if you experience too much of | Cos’è l’ansia, come comunicarla e cosa fare se ne provi troppa

[Vai alla versione italiana]

What’s anxiety, how to communicate it and what to do if you experience too much of it

That feeling of extreme worry over something, of things being out of control, of freaking out for the countless catastrophic turns a day (or life) may take. Heart beating too fast, breath shortening, sweat, dizziness.

Yes, anxiety.

Everybody knows it. Some experience it only when dealing with stressful times of their lives, others have it on a daily basis, others get panic attacks.

Let’s start from the first, basic and most important rule to keep in mind: each one of these experiences is valid and important. As the saying goes “Knowledge is power”, so keep an open mind, an even more open heart, and get ready to work together in order to understand, accept and learn how to support ourselves or people around us dealing with anxiety issues.

What’s anxiety? 

Anxiety is a universal feeling, in any way inherently wrong. It’s a necessary answer of our body to cope with stress”. Someone may think anxiety equals worry. This is not the case since anxiety can show through thoughts, feelings and body reactions, for example:

  • Being unable to control worry
  • Feeling out of control
  • Panic
  • Feeling irritable, restless or on-edge
  • Fear of specific objects or situations
  • Being easily fatigued
  • Mind going blank or being unable to concentrate
  • Muscular tension
  • Lack of sleep or unsatisfying sleep
  • Heart palpitations, accelerated heart rate
  • Sweating
  • Trembling or shaking
  • Shortness of breath, sensation of choking
  • Feelings of impending doom

All of these different features can be signs and symptoms of anxiety. You may experience just one or several signs. Each one of us has his/her own experience; anxiety doesn’t show the same way for everyone.  This means that there isn’t a truer way to feel anxious, each experience is valid and needs to be acknowledged.

What are anxiety disorders?

Anxiety becomes problematic when is not a temporary reaction but turns into a daily companion and interferes with daily life, making people unable to carry on their normal activities, like school, work, or free time. This is called generalized anxiety disorder.

Some people suffer from panic disorders: they experience brief intense and uncontrolled feeling of anxiety in the form of panic attacks, which usually reach a peak within minutes. It may make the person constantly worrying about the possibility of another attack striking and even avoiding places and situations to prevent it from happening again.

Other people may suffer from phobia-related disorders if they feel a disproportionate fear directed towards specific objects or situations (for example, social situations or crowded spaces).

Finally, anxiety disorders can show through fear of separation (separation anxiety disorder) or, for kids, through the inability to speak in social situations despite being able to speak in other contexts (selective mutism).

Now that I’ve given you a brief review on how anxiety shows and when it becomes a proper disorder, let’s take some time to understand what we can do to deal with it personally or help a friend/family member who experiences it.

Today I’ll give you advice on how to communicate to others your anxiety and what to do if you have too much anxiety.

How to communicate your anxiety to other people?

Don’t be afraid to communicate to the people around you what and how you feel. Often, the fear of being judged or misunderstood makes us hide our feelings, with the result of feeling lonely, isolated from others, and at the same time stuck and unable to deal with the things we have inside.

You don’t have to do it by yourself! Somehow, it’s easier to understand and relate to physical pain than mental pain or struggles, but this doesn’t make the communication impossible.

Start by starting.

  • Tell the people around you, the people you care about, that you are not feeling 100% ok.
  • Ask if they can just listen to your experience without diminishing it, making fun of it or trying to give advice or “the solution”. Talking about painful feelings is difficult both for who experiences those and for the person who listens; often it comes easier to minimize the situation with a “don’t make it worse than it is”, “it’s in your head”, “it’ll go away”; these may seem “motivational” sentences, but they make the suffering person feel somehow wrong, misunderstood and isolated. For this reason, when expressing your feelings you may first ask to listen without giving advice or solutions at all costs; explain that what you need at that moment is to share with someone your experience.
  • If you are able to, talk about your thoughts and what you feel in your body using descriptions and examples. Saying “I feel very anxious, because I have this [ ] worry, that makes me feel out of control and gives me shortness of breath” is much easier to understand and relate to than a shorter “I don’t feel ok”. This may seem difficult at first, but it let other people better understand what you are talking about. You can also explain the words, conditions, and scenarios that usually trigger or worsen your anxiety.
  • Tell the people around you how they can be of help. For example, if you know that when you feel too much anxiety a walk outside can calm you down, ask them if they could go with you. They will be more than willing to help with a practical gesture if you ask them. In the case you have never thought about this topic, take a moment to reflect on what works best for you in order to cope with your anxiety, for example self-care actions or techniques.
  • If it’s difficult for you to start a face-to-face conversation, writing down what you feel may help you prepare to talk to the people you love. You can make a list of all the topics discussed above: descriptions of your feelings and body reactions, triggers (words or situations), and things that may help reduce your anxiety level.

If you experience “too much” anxiety…

If you think your anxiety levels may be too high, or if anxiety interferes with your normal functioning, meaning it gives you problems living your professional and/or personal life, I strongly suggest you reach out for help. You can book an appointment with a mental health specialist, a psychiatrist or a psychotherapist (which may refer you to a psychiatrist), or you can ask your general practitioner for a referral.

I understand from many of my patients’ experiences that acknowledging mental issues and deciding to see a specialist can be scary

A lot.

And it is, as it is doing something for the first time, especially if it involves personal stuff as our minds, super especially if you live in a society that considers mental illness a taboo. You have been trained to be scared and ashamed. But it’s time we leave this mentality in the past.

1 in 4 people suffers from mental illnesses.

It’s so common that either it may be you or someone in your close circle of relatives or family members. It’s time to move on and take the step to feel better with ourselves.

If you feel too scared, ask for help to a family member or a close friend. They care for you, they love you for who you are and they’ll be more than happy to be there for you in this crucial step of taking care of your mental health.

Let’s say you made the step and booked an appointment: the professional who visit you will ask a series of questions on your symptoms, on your history and personal life. He/she may administer scales or questionnaires in order to make a correct diagnosis; finally, he/she will help you decide which type of treatment or treatments would be useful for your situation, in order to feel better.

I wanted to lay this out because it’s usually easier to make decisions (in this case, asking for professional help) if you know what to expect from the situation you will take part in.

Our mental wellness is crucial to living life at best, so we should make anything in our power to preserve and/or reach it!

What’s next?

In the next posts I’ll talk about: specific treatments for anxiety; everything about panic attacks; strategies that you can use on a daily basis; how to help friends/relative with anxiety. These information and tips can help both people with anxiety disorders or any other persons who experiences temporary anxiety related to stressful events (like me and like literally anyone I know all the time). So, stay tuned!

If you liked this article or think it may be helpful for someone you know, please share it on your social media… “sharing is caring”!

And thanks for reading it!

See you soon,

Serena

Disclosure: I’m a doctor, therefore the information I share is based on my professional experience and sources I list at the end of the article. However, the information shared on this blog is not intended to replace a one-on-one relationship with a qualified health care professional. For any doubts or information, ask your general practitioner or trusted specialist.

Versione italiana

Cos’è l’ansia, come comunicarla e cosa fare se ne provi troppa

Avete presente quei momenti di preoccupazione estrema per cose anche banali, o in cui ci si sente fuori controllo e si rimugina sulle mille svolte catastrofiche che le giornate (o la vita) potrebbero prendere? Il cuore che batte velocemente, il respiro corto, il sudore, la sensazione di testa vuota.

Sì, l’ansia.

La conosciamo tutti.

Alcuni la sperimentano solo quando si trovano ad affrontare periodi stressanti, altri la vivono quotidianamente, altri soffrono di attacchi di panico.

Per parlare di ansia, iniziamo dalla prima regola fondamentale da tenere a mente: ognuna di queste esperienze è valida e importante. Si dice che “la conoscenza è potere”, quindi mente aperta, cuore ancora più aperto, e pronti a lavorare insieme per capire, accettare e imparare a supportare noi stessi o le persone che ci circondano di fronte a problemi di ansia.

Cos’è l’ansia?

“L’ansia è un sentimento universale, in nessun modo intrinsecamente sbagliato. È una risposta necessaria del nostro corpo per far fronte allo stress “. Qualcuno potrebbe pensare che “avere l’ansia” significhi solo preoccuparsi per qualcosa. Non è così, poiché l’ansia può manifestarsi attraverso pensieri, sentimenti e reazioni corporee, ad esempio:

  • Agitazione e preoccupazioni incontrollabili
  • Sentirsi fuori controllo
  • Sensazione di panico
  • Sensazione di irritabilità, irrequietezza o nervosismo
  • Paura di oggetti o situazioni specifici
  • Sentirsi facilmente affaticati
  • Sensazione di testa vuota o incapacità di concentrarsi
  • Tensione muscolare
  • Mancanza di sonno o sonno insoddisfacente
  • Palpitazioni cardiache o battito cardiaco accelerato
  • Sudorazione
  • Tremori
  • Respiro affannoso o sensazione di soffocamento
  • Sensazione di pericolo imminente

Tutte queste diverse caratteristiche possono essere segni e sintomi di ansia, e possono presentarsi singolarmente o in diverse combinazioni. L’ansia non si manifesta allo stesso modo per tutti, ognuno la esperisce a modo proprio. Ciò significa che non c’è un modo più vero di provare ansia, ogni esperienza è valida e deve essere riconosciuta in quanto tale.

Cosa sono i disturbi d’ansia?

L’ansia diventa problematica quando non si limita a essere una reazione temporanea, ma si trasforma in una presenza quotidiana e interferisce con la vita di tutti i giorni, rendendo chi la prova incapace di svolgere le normali attività, come quelle scolastiche, lavorative o di svago. Ci riferiamo a questa situazione come disturbo d’ansia generalizzato.

Alcune persone, invece, soffrono di disturbi di panico: questi si verificano come episodi di ansia brevi, intensi e incontrollati, che in genere raggiungono un picco in pochi minuti. Gli attacchi di panico possono provocare una costante preoccupazione rispetto alla possibilità che se ne presentino altri, e possono persino portare chi ne soffre a evitare luoghi/situazioni per paura che si riverifichino.

Altre persone possono soffrire di disturbi fobici specifici, se provano una paura sproporzionata nei confronti di situazioni o oggetti specifici (ad esempio, trovarsi in situazioni sociali o spazi affollati).

Infine, i disturbi d’ansia possono manifestarsi attraverso la paura della separazione (disturbo d’ansia da separazione) o, per i bambini, attraverso l’incapacità di parlare in situazioni sociali pur essendo in grado di farlo in altri contesti (mutismo selettivo).  

Dopo avervi presentato in maniera riassuntiva come si può manifestare l’ansia e quando diventa un vero disturbo, prendiamoci un po’ di tempo per capire cosa possiamo fare per affrontarla o aiutare un amico/familiare che ne soffre.

Oggi capiremo come comunicare gli stati ansiosi alle altre persone e cosa fare se si prova “troppa” ansia.

Come comunicare cosa provi alle altre persone?

Non temere di comunicare alle persone che ti circondano come ti senti. Spesso, la paura di essere giudicati o fraintesi ci porta a nascondere i nostri sentimenti, con il risultato di sentirci soli, isolati dagli altri, e allo stesso tempo bloccati e incapaci di affrontare ciò che abbiamo dentro. Non devi affrontare questi stati da solo.

Per svariate ragioni che esulano da questo post, risulta più facile comprendere e relazionarsi con il dolore fisico piuttosto che con quello mentale, ma questo non significa che sia impossibile comunicare le difficoltà psicologiche.

Parti dall’inizio.

  • Comunica alle persone con cui condividi le tue giornate, e di cui ti fidi, che non ti senti al 100%.
  • Chiedi loro di ascoltare la tua esperienza senza sminuirla, senza prenderla sul ridere o cercare di dare consigli e trovare “la soluzione”. Parlare di sentimenti dolorosi è difficile sia per chi li sperimenta che per chi li ascolta; spesso viene spontaneo minimizzare la situazione con un “non farla più grave di quanto sia”, “è una preoccupazione non reale”, “vedrai che passa”; questi interventi possono sembrare motivanti, ma in realtà fanno sentire la persona che soffre di ansia come “sbagliata”, incompresa e isolata dagli altri. Per questo motivo, quando esprimi i tuoi sentimenti, prova prima a chiedere soltanto di ascoltare: spiega che ciò di cui hai bisogno in quel momento è di poter condividere con qualcuno la tua esperienza, senza ricevere consigli o soluzioni a tutti i costi.
  • Se riesci, comunica i tuoi pensieri, i sentimenti e le sensazioni fisiche usando descrizioni ed esempi. Dire “mi sento agitato, continuo a preoccuparmi per [x] cosa; mi fa sentire fuori controllo e mi porta a respirare affannosamente” è molto più facile da comprendere rispetto a un più breve “non mi sento bene”. Questo tipo di comunicazione può sembrare difficile, ma permette agli altri di capire meglio quello che stai provando. Puoi anche descrivere quali argomenti, condizioni o situazioni di solito innescano o peggiorano la tua ansia. 
  • Comunica agli altri come possono essere d’aiuto. Ad esempio, se sai che quando sei in ansia fare una passeggiata al parco può calmarti, chiedi loro di accompagnarti. Saranno più che felici di poterti aiutare se con dei gesti pratici, se glielo chiedi esplicitamente. Nel caso in cui tu non abbia mai ragionato su questo argomento, prenditi un momento per riflettere su ciò che funziona meglio per te per superare gli stati d’ansia, che tipo di azioni concrete, messaggi o tecniche possono alleviare quello che senti. 
  • Se ti sembra difficile iniziare una conversazione faccia a faccia su questo argomento, potresti provare a scrivere una bozza per prepararti a parlarne con le persone a cui tieni. Puoi fare una lista di tutti gli argomenti discussi sopra: descrizioni dei tuoi pensieri, sentimenti e reazioni corporee; argomenti o situazioni che scatenano gli stati d’ansia; strategie che possono aiutare a ridurre il livello di ansia o superare i momenti critici, e come gli altri possono esserti di aiuto.

Se provi “troppa” ansia…

Se temi che i tuoi livelli di ansia siano eccessivi, o se gli stati ansiosi interferiscono con il tuo normale funzionamento, cioè ti danno problemi nel vivere normalmente la tua vita professionale e/o personale, ti consiglio di chiedere l’aiuto di uno specialista.

Puoi prenotare un appuntamento con un professionista della salute mentale, uno psichiatra o uno psicologo (che poi potrà chiedere il parere di uno psichiatra), oppure puoi chiedere al tuo medico generico.

Tramite i racconti di molti pazienti, capisco quanto possa sembrare spaventoso accettare di provare un disagio psicologico e decidere di rivolgersi a uno specialista.

Mette molta paura.

Come mette paura fare qualcosa per la prima volta, specialmente se riguarda questioni delicate e personali come la nostra mente, e ancora di più se si vive in una società che considera la malattia mentale un tabù. Sei stato “addestrato” a essere spaventato e a provare vergogna. Tuttavia, è ora di lasciare questa tipo di mentalità nel passato, in quanto non deve più appartenere alla società attuale.

1 persona su 4 soffre di un disturbo psichiatrico.

Le malattie mentali sono così comuni che potresti soffrirne tu stesso o qualcuno nella tua cerchia ristretta di amici o familiari.

È arrivato il momento di abbandonare qualsiasi pregiudizio e di fare serenamente ciò che serve per sentirci meglio con noi stessi.

Se sei troppo spaventato, chiedi aiuto a un familiare o a un amico. Ti vogliono bene per quello che sei e saranno più che felici di supportarti in questa importante scelta di prenderti cura della tua salute mentale.

Hai prenotato un appuntamento? Il professionista che ti visiterà ti farà una serie di domande sui tuoi sintomi, sulla tua storia e sulla tua vita personale. Potrebbe farti compilare delle scale o dei questionari per formulare una diagnosi corretta; infine, ti aiuterà a decidere quali trattamenti possono essere utile per la tua situazione, per arrivare a gestire l’ansia e sentirti meglio.

Ci tengo a spiegare questi passaggi, perché di solito è più facile prendere decisioni (in questo caso, chiedere aiuto a un professionista) se si hanno informazioni chiare su cosa ci aspetta. 

Il nostro benessere mentale è cruciale per vivere la vita al meglio, quindi dovremmo fare qualsiasi cosa in nostro potere per preservarlo o raggiungerlo.

Nei prossimi post…

Nei prossimi post parlerò di: trattamenti specifici per l’ansia; attacchi di panico; strategie da mettere in pratica nel quotidiano; come aiutare amici o familiari che soffrono di ansia. Queste informazioni e suggerimenti possono aiutare sia chi soffre di un disturbo d’ansia sia chi prova temporaneamente ansia a causa di eventi stressanti (letteralmente chiunque). Quindi rimanete sintonizzati, amici! 

Se questo articolo ti è piaciuto o pensi che possa essere utile a qualcuno che conosci, ti chiedo di condividerlo sui tuoi social media. La condivisione è un modo di “prendersi cura” degli altri.

Grazie per aver letto l’articolo! 

Alla prossima puntata,

Serena

Attenzione: sono un medico; le informazioni che trovi nell’articolo derivano dalle fonti citate in fondo e dalla mia esperienza professionale. Tuttavia, queste informazioni non possono in alcun modo sostituire il rapporto a due con un professionista sanitario. Per qualsiasi dubbio o informazioni, ti invito a rivolgerti al tuo medico di fiducia.

Bibliography/Bibliografia:

  • National Institute of Mental Health: https://www.nimh.nih.gov/health/topics/anxiety-disorders/index.shtml
  • DSM-V. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 5th Edition
    DSM-5. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (Quinta edizione)
  • Book “Sims’ Symptoms in the Mind: An Introduction to Descriptive Psychopathology”
  • Article: https://genomind.com/7-ways-explain-anxiety-partner/